I Italia Cup

Diano Marina,  21-23 marzo

Prima tappa del circuito nazionale Laser a Diano Marina

Si ricomincia  con la regata più lontana dell’anno Diano Marina ovvero praticamente  in Francia!!!!

Prima di entrare nel merito della regata una parentesi logistica:  per organizzare  regate da 300 barche  bisogna essere  in grado di ospitare a terra barche e mezzi, permettere una ripartenza in tempi umani, essere organizzati in mare. In questa regata mancava sia la logistica in mare sia la logistica a terra:  spazii inadeguati a terra, parco barche soggetto alle mareggiate, mancanza di scivoli per i gommoni, tempi biblici per le partenze e la gestione del campo. Non può essere sempre una battaglia.

Entriamo nell’aspetto sportivo; continua la maledizione dei laser, dopo quasi un mese di bel tempo arriva una perturbazione:

  • primo giorno senza vento,
  • secondo con 20-25 nodi  da sud che poi calano, 10-12 nodi,  con direzione ballerina nella seconda prova,  il tutto condito con secchiate di pioggia,
  • mareggiata notturna sul parco barche, ma noi previdenti eravamo in una posizione sicura,
  • terzo giorno con 20 nodi e sole prima dell’arrivo dei temporali dall’interno.

Ecco i risultati degli atleti della Lega Navale di Pescara tutti positivi; per tutti vale il discorso che se si vuole stare davanti tutto deve essere perfetto.  Ci sono ancora delle piccole sbavature che non vi permettono di portare a casa ciò che potreste raggiungere.

Standard (59)

Paolo: molto bene , con  22-19-26 chiude 19°, secondo degli under 19. Giocare con i grandi è difficile ma la strada è quella giusta.

Luca: Trasferta positiva peccato la rottura che condiziona fortemente la classifica, lo spirito  è quello giusto e i risultati si vedono. Con 26-42-dnf chiude  42°

Radial (125)

Natalia: i periodi no capitano, l’importante è reagire, la seguenza fa ben sperare. Con 45-40-33 chiude 82°

Chiara: Siamo arrivati ad ammettere che con 20 nodi tutto cambia se c’è il sole o la pioggia, ovvero che il tuo avversario sei tu. Ammettere i propri limiti è il primo passo per superarli. Molto bene continuiamo così. Con  DNF-DNF-42 chiude 113°

4.7 (108)

Mattia: Ottimo risultato ma potevi portare a casa di più, ne sei in grado, bisogna capire quando andare all’attacco e quando giocare in difensiva, se riusciamo ad entrare nella giusta ottica si può fare molto bene. Con 4-17-5 chiude 8°

Augusto: Molto bene, costantemente nella prima metà del gruppo, le cose da mettere a posto sono ancora molte, ma cominciamo ad esserci. Con 20-27-21 chiude 45°

A breve le foto

 

 

 

 

 

Lascia un commento